Best practice

Gestione dei potenziali conflitti di interesse tra il promotore e gli azionisti ordinari della SPAC

VEI 1 ha adottato procedure in linea con la best practice delle società quotate per gestire tali operazioni con la massima trasparenza.

PFH ha sottoscritto il 20% delle azioni ordinarie oggetto di raccolta.

PFH offrirà a VEI 1 un diritto di prima offerta in relazione alle opportunità di investimento che dovessero essere sottoposte a PFH, purché l’investimento di capitale richiesto sia almeno pari al 50% del capitale ordinario raccolto da VEI 1 e, ovviamente, vi sia la disponibilità dei soci della Target alla quotazione attraverso la Business Combination con VEI 1.

La Corporate governance di VEI 1 è allineata alla best practice di mercato:

  • 2 Amministratori Indipendenti in CdA su un totale di 7 Consiglieri;
  • Il CdA può sottoporre all’Assemblea di VEI 1 la proposta di Business Combination con la Target solo se la delibera del CdA viene assunta con una maggioranza qualificata di 6 consiglieri su 7 (quindi con almeno un indipendente).